Rakvere Vabaduse Square and St.Paul’s Church

Realizzazione simbolo di nuovi spazi pubblici, di nuovi modelli di organizzazione del rapporto mobilità pedonale-carrabile, il Centro Musicale rappresenta un intervento di straordinaria importanza per la città e i suoi abitanti, esaltando il rapporto con il centro città più denso, l’architettura degli edifici rappresentativi e la semplice edilizia residenziale e con le zone dei parchi e delle attrezzature sportive.
Il traffico carrabile viene ridotto rendendo possibile la realizzazione di un sensibile aumento degli spazi verdi e pedonali attuato mediante un disegno geometrico che risente delle condizioni e della morfologia dei luoghi, recependone le istanze naturali ed artificiali: a contatto con il parco esistente il disegno degli spazi verdi si fa morbido e naturalistico, invadendo e metaforicamente conquistando le aree pavimentate e i percorsi sinuosi “obbligano” ad attraversamenti tra il naturale e l’artificiale.
Da tali premesse nasce il Nuovo Complesso, composto sostanzialmente dall’edificio della Chiesa, restaurato ripristinando le caratteristiche architettoniche e decorative precedenti le inappropriate trasformazioni, da nuovi elementi e volumi rispettosi dell’unicità dell’ambiente e da un piazza in cui gli elementi di arredo tradizionalmente fissi (sedute, porzioni di giardino, etc) possono essere posizionati, scorrendo su binari, a piacere, secondo le specifiche esigenze del momento.

Collaboratori:
Arch. Cristiana Cellucci
Ing. Diego Cupellini