Libreria Gregoriana

La Libreria , spazio molto frequentato da giovani studenti e professori, è posta al primo piano dell’edificio della Pontificia Università Gregoriana, in Piazza della Pilotta.
Il progetto risponde al desiderio della nuova Direzione di riaprire uno spazio ormai completamente saturo, tanto da risultare impossibile una visuale complessiva dell’ambiente all’interno del quale perfino le finestre risultavano “chiuse” dalla cospicua quantità di libri, alla città o, quanto meno, al rione.
Oltre ad una serie di opere maggiori di allestimento dello spazio, il progetto si è concentrato sulla realizzazione di singoli oggetti di design, quali: un “totem”, reinterpretazione di un classico espositore di materiali di cancelleria, depliant, etc, costituito da un volume che, una volta scavato, lascia emergere dei piani, facilmente trasportabile grazie a un sistema di ruote debitamente incassate e nascoste ( in modo da avere un ridotto distacco da terra e una buona stabilità); i medesimi tagli e astratti svuotamenti hanno portato alla realizzazione del portaborse. Per quanto concerne le sedute anche in questo caso viene perseguita l’idea di “alleggerire” un ambiente per troppo tempo “saturo di materia”, per cui si è lavorato su un quadrello in ferro sottile su cui poggia una tavola in rovere naturale; per ottenere un effetto più vibrante, tutti gli “oggetti” sono laccati bianco ma a pennello.