Istituto Professionale di Stato

Il progetto parte dalla necessità di considerare l’edificio esistente, facente parte del vecchio complesso industriale, come presenza da valorizzare e integrare nella parte di nuova costruzione che si compone sostanzialmente di tre volumi: due basamentali che contengono la palestra a doppia altezza, il ristorante-bar didattico e, al di sopra, il volume degli uffici e degli spazi didattici.
La parte nuova è progettata in modo che il rapporto con l’esistente sia sempre percepibile e mai banale: i due volumi basamentali dichiarano la loro funzione di sostegno con murature a vista di laterizi tradizionali che costituiscono fronti aperti solo sui fianchi, per illuminare ed aerare gli spazi; la loro giacitura ricostituisce l’allineamento stradale ma gli spazi vetrati fra i volumi permettono la percezione di quelli retrostanti dando continuità visiva e fisica. Il volume sovrapposto invece è arretrato per esaltare l’edificio esistente e la struttura portante metallica evidenzia la sua natura di “scatola”.
A tale regolarità di volumi si contrappongono le facciate est ed ovest, interamente rivestite in vetro, alcuni trasparenti, altri satinati con retrostanti pannelli colorati.

con:
Studio Amati