Cimitero Comunale

L’impianto originale del Cimitero di Morro d’Alba risale alla fine dell’ottocento è di forma rettangolare con l’ingresso che si protende a formare una punta su uno dei lati corti; l’interno è diviso in due aree pressoché quadrate poste a quote diverse così da risolvere il dislivello del terreno (il cimitero si stende sul fianco del crinale, alla sommità del quale si trova la strada). Il progetto si attua con l’edificazione di 8 blocchi composti di cappelle private nella parte bassa e di colombari nella parte alta , rispondendo alle richieste di programma (facilità di accesso, facilità di realizzazione, protezione degli utenti e dei colombari, rappresentatività, maggior numero di cappelle private, compiutezza della parte realizzata, facile espandibilità).Questi volumi, concepiti per essere più “esili” dei tradizionali colombari, sono disposti parallelamente al lato del vecchio cimitero lungo le linee di pendenza del declivo collinare, rivolti sempre verso una quinta verde composta da cipressi a ricreare una intimità propria dei cimiteri storici italiani.I nuovi corpi di fabbrica sono disposti lungo l’asse distributivo che si estende a fianco del cimitero ottocentesco e si articolano su due piani e sfruttando il dislivello collinare su quale poggiano è stato possibile ridurre al minimo gli spazi necessari per i collegamenti verticali; infatti per raggiungere il primo piano è sufficiente una sola rampa di scale e per il piano inferiore viene configurata adeguatamente la pendenza del terreno.
Progetto Impianti:
Per. Ind. Rinaldo Bulgarelli
Consulente per le Strutture:
Ing. Sandro Castrataro
Collaboratori:
Ing. Emilio Bruno
Ing. Tanja Pacecca
Ing. Marcella Pasquini
Arch. Elena Zanolin
Fabien Pace
Chiara Baiocco